Inbound Marketing Blog

Cos’è l’Inbound Marketing e perché non potrai più farne a meno

Scritto da Yourbiz in inbound marketing

cos'è-inbound-marketing

 

Prima che tu raggiunga la tua prima conversione, prima che tu chiuda il tuo primo cliente, prima ancora di scrivere il tuo primo post, ricordati di porti alcune domande: cosa stai facendo davvero per i tuoi clienti? Cos’è che impedisce ai tuoi prospect di raggiungere i loro obiettivi?

In un periodo come questo, dove basta un click per cancellarsi da qualsiasi servizio, è importante riconoscere il ruolo da protagonista che i contenuti hanno guadagnato, sostituendosi alla pubblicità tradizionale, sempre meno funzionale e poco indicata allo sviluppo di un’azienda B2B. Ed è proprio in questo clima d’incertezza che fa la comparsa l’Inbound Marketing.

Sviluppato nel 2006 da HubSpot, l’Inbound Marketing ha cambiato radicalmente il modo di concepire la comunicazione online, rappresentando la soluzione a tutti i problemi legati all’advertising tradizionale.

 

Ebook come creare una campagna di inbound marketing di successo

 

Vuoi prendere in mano il futuro della tua impresa B2B? Scarica il nostro e-book gratuito “Gli 8 strumenti invincibili dell’Inbound Marketing” e riprendi il controllo della tua attività!

 

Quindi, cos’è l’Inbound Marketing?

L’Inbound Marketing è una strategia che utilizza molte tecniche d’attrazione, quali Content Marketing, Blog aziendali, SEO, Social Media e altro, per attirare potenziali clienti e rafforzare il brand. In contrasto all’Outbound Marketing, dov’è l’azienda a cercare i clienti, l’Inbound Marketing si guadagna l’attenzione dei visitatori e rende l’azienda facile da trovare.

L’Inbound si compone di 4 fasi:

  • Attrarre,
  • Convertire,
  • Chiudere,
  • Deliziare.

L’imbuto è la forma che spiega meglio cos’è l’Inbound Marketing e i passaggi che lo caratterizzano: nella parte più alta del funnel risiedono la maggior parte dei visitatori, interessati ai nostri contenuti perché utili e rilevanti, dopodiché si cerca di ottenere un contatto offrendo in cambio il download di un ebook, di un webinar o di qualsiasi altro formato possa essere utile all’utente, trasformandolo in lead. “Nutrendo” questo contatto lo si guida, passo dopo passo, all’acquisto. Infine, nella parte inferiore dell’imbuto ci saranno solo pochi prospect: lead molto interessati all’acquisto e in ultimo clienti, che devono essere deliziati affinché possano tornare ad acquistare di nuovo e diventare naturalmente promotori del tuo brand.

Tiriamo un attimo il fiato.

Perché l’Inbound è utile per la tua azienda B2B?

Non ci sono dei contro, non ci sono difetti tangibili; l’Inbound è semplicemente la naturale evoluzione delle tecniche di marketing, effetto diretto di un web sempre più popoloso e incredibilmente competitivo. Il vantaggio più grande dell’Inbound Marketing è mentale perché, una volta assimilate le principali metodologie, sarai in grado di capire meglio le esigenze dei tuoi clienti e percepire ogni piccolo cambiamento del tuo settore. Inoltre, attraverso alcune attività Inbound, troverai dei vantaggi di cui la tua azienda B2B non potrà più fare a meno:

  • Identifica il target con le buyer persona: attraverso le buyer persona – personaggi fittizi creati a immagine e somiglianza dei tuoi clienti ideali – puoi comprendere abitudini ed esigenze dei tuoi clienti, sviluppando una strategia che possa attirare persone interessate al tuo business. Finalmente puoi usare un approccio più umano per rapportarti coi clienti, un concetto forte in grado di portare gradualmente le tue decisioni aziendali verso la soddisfazione del cliente.
  • Crea contenuti di valore: uno dei più grandi vantaggi dell’Inbound Marketing è la sua forte propensione alla qualità. Creare contenuti che aiutano realmente i tuoi clienti è uno dei punti fondamentali di questa strategia, che porterà i tuoi visitatori ad essere attratti in modo naturale verso il tuo brand. Grazie a un’ottima pianificazione, si può creare un blog aziendale ricco di nuove idee, nuovi spunti per un potenziale acquirente, generando coinvolgimento e partecipazione. Cosa c’è di meglio per un’impresa che avere una community solida e appassionata?
  • Scegli il giusto canale di comunicazione: qual è l’età del tuo target? Hai un’impresa B2B o B2C? Una profonda conoscenza dei nuovi mezzi di comunicazione ti aiuta a capire attraverso quali piattaforme è necessario esprimersi per garantire i risultati migliori. Per esempio, la maggior parte delle imprese B2B hanno dei vantaggi considerevoli e una maggiore visibilità promuovendo dei contenuti su Social come LinkedIn; alcune ricerche sostengono che, per un’azienda B2B, LinkedIn converta quasi il 300% in più rispetto agli altri Social!
  • Comunica coi tuoi clienti nel momento migliore: il buyer’s journey è il processo attraverso cui passano i tuoi clienti per arrivare all’acquisto; l’Inbound ti aiuta ad analizzarne le varie fasi, per scoprire in quale di queste si trova il tuo potenziale cliente e fornirgli ciò di cui ha bisogno al momento giusto!

 

 Ebook come creare una campagna di inbound marketing di successo

 

Sicuro di aver capito cos’è l’Inbound Markerting? Schiarisciti le idee con il nostro e-book “Gli 8 strumenti invincibili dell’Inbound Marketing” e migliora da subito la tua strategia aziendale.

 

Condividi questo articolo su: