Inbound Marketing Blog

5 errori da evitare nelle tue attività di Lead Generation

Scritto da Yourbiz in inbound marketing, lead generation

attività-di-lead-generation.jpg

Le attività di Lead Generation sono fondamentali, soprattutto per un’azienda B2B, e sta diventando sempre più difficile, col passare del tempo, trovare i giusti metodi di conversione. La peculiarità di un lead è il fatto di aver condiviso con te una serie di dati, è interessato alla tua impresa; la lead generation, in quanto processo di marketing finalizzato alla conversione di visitatori in lead, dovrebbe garantire un tasso di conversione che sia il più alto possibile. Non è sempre facile, però. Cosa bisogna fare per evitare di rimanere nel mare in bonaccia? In questo articolo spiegheremo gli errori più comuni da evitare durante le tue attività di Lead Generation.

“You can't sell anything if you can't tell anything!” Beth Comstock

 

Per convertire lead, è necessario attrarre il maggior numero possibile di visitatori realmente interessati ai tuoi prodotti/servizi, affascinarli con dei contenuti utili in grado di suscitare il loro interesse e offrire loro qualcosa (per esempio un’offerta esclusiva o il download gratuito di un e-book) che invogli l’utente a lasciare il suo contatto. Molto spesso, però, qualcosa va storto:

1.      Troppe richieste nei form di contatto

Richieste d’iscrizione e Form di contatto troppo lunghi sono controproducenti. Una landing page efficace è il miglior strumento di conversione, se usata nel modo corretto; troppe richieste o campi da compilare invasivi possono far perdere quella fiducia che eri quasi riuscito a conquistare.

Alcune ricerche dimostrano che, più corte sono le richieste di un form, più alto è il tasso di conversione. Non pretendere troppo dai tuoi potenziali clienti, spesso bastano nome, email e professione, soprattutto in una prima fase conoscitiva. Non hai bisogno di conoscere la sua taglia di pantaloni.

2.      Contenuti non educativi, troppo promozionali

I tuoi testi riflettono le problematiche dei visitatori che attrai? Stai dicendo qualcosa di nuovo e realmente utile per i tuoi utenti? Queste sono alcune delle domande che devi porti prima di scrivere dei contenuti che possano spingere un utente alla conversione. Un articolo ben strutturato e rilevante è il miglior modo di far capire ai tuoi visitatori che sei la soluzione migliore ai loro problemi.

Ricordati di puntare su contenuti che siano più educativi che promozionali, non fare testi troppo lunghi e intricati, sii conciso. Ma soprattutto, scrivi bene! Evita errori grammaticali e strutture dispersive, i tuoi potenziali clienti apprezzeranno.

3.      Assenza di contenuti visuali

Siamo fortemente attratti, a causa della nostra natura umana, da immagini, colori e da ogni tipo di elemento visivo. Anche se alcuni pensano, erroneamente, che le immagini stiano lentamente sostituendo i testi come contenuti principali, una cosa è vera: un blocco di testo unico senza immagini o video, stanca e affatica l’utente, riducendo drasticamente le conversioni. Inserire elementi visivi all’interno di un testo, nella quantità corretta, migliora efficacemente le tue attività di lead generation.

Utilizzare un’immagine o un video ti permette non solo di attirare l’attenzione dei visitatori, ma anche di renderti unico rispetto agli altri, contribuisce a creare un’identità aziendale più spessa, fortificando la brand awareness.

4.      Mancata condivisione social

I social network sono una delle risorse migliori che hai per le tue attività di lead generation. Oltre alla visibilità che puoi ottenere da una promozione corretta, piattaforme come LinkedIn, Facebook e Google+ creano una connessione diretta tra te e i tuoi followers, che potrai coltivare pubblicando regolarmente nuovi post e offerte esclusive, contribuendo a suscitare interesse attorno ai tuoi prodotti e stimolare le conversioni.

Ricordati di fare un’indagine accurata di quale possa essere il social network più adatto ai tuoi servizi per spingere la tua impresa, ognuno ha il suo tipo di audience!

5.      Scarsa ottimizzazione delle landing page

Le landing page sono il fiore all’occhiello delle tue attività di lead generation. Come detto in precedenza, una landing page è il mezzo attraverso il quale converti, se non gli dai la giusta importanza, rischi di ottenere l’effetto contrario!

Vedi le tue landing come una piccola forma d’arte. Deve rappresentare perfettamente la tua azienda, dalla quantità di spazio tra i paragrafi alla forma dei moduli di contatto, dal colore dei testi al tipo di immagini, tutto dev’essere al posto giusto e in sintonia, dai al tuo potenziale cliente un’idea perfetta di quello che vuoi comunicare.

fare-lead-generation.jpg

Pianifica la tua strategia digitale

Per migliorare nettamente le tue attività di lead generation devi avere chiaro in testa quale sia la strada che vuoi percorrere, devi seguire una strategia. Una possibilità efficace è quella dell’Inbound Marketing, una faccia relativamente nuova nel mondo del web marketing, creata da HubSpot nel 2006 e da allora in costante crescita.

Lead Generation con l’Inbound Marketing

L’Inbound Marketing è una strategia che non si focalizza più, come i sistemi di marketing tradizionali, sui prodotti che vuoi vendere, ma sul cliente stesso, analizzando le sue fasi d’acquisto e permettendo alla tua azienda di farsi trovare direttamente dal cliente come soluzione ai suoi problemi/necessità.

Si compone di 4 fasi principali: attrarre, convertire, chiudere e deliziare. Si può intuire facilmente come questo sistema sia stato ideato per affascinare e convertire visitatori, proponendo una serie di suggerimenti e operazioni per stimolare le tue attività di lead generation!

Vuoi scoprire di più su questa nuova strategia di marketing?

 

Per sapere quali sono le caratteristiche vincenti dell’Inbound Marketing e risolvere i tuoi problemi di Lead Generation scarica il nostro e-book gratuito "Inbound Marketing per aziende B2B”!

Scarica l'eBook Inbound Marketing per aziende B2B